Sui percorsi del Golf Nazionale, a Sutri (VT), e del Terre dei Consoli GC, a Monterosi (VT), si disputa la finale della Qualifying School dell’Alps Tour in cui si assegneranno le ‘carte’ per la stagione 2021. Vi partecipano 144 giocatori, dei quali 43 italiani, in rappresentanza di 18 nazioni, tra le quali Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia.
Il torneo si disputa sulla distanza di 54 buche con i concorrenti che nei primi due giri si alterneranno sui due tracciati, poi i primi 65 e i pari merito al 65° posto si contenderanno nel turno conclusivo al Golf Nazionale le  “carte” piene per l’Alps Tour 2021, riservate ai primi 35 in graduatoria, mentre gli altri che supereranno il taglio avranno ‘carte’ con meno possibilità di gioco.
Tra gli italiani vi saranno vincitori sul circuito quali Michele Cea (Ein Bay Open, 2018), Cristiano Terragni (Feudo d’Asti Open, 2011)), nella foto) e Giacomo Fortini (Cervino Open, 2018, da amateur) e ancora Guglielmo Bravetti, Carlo Casalegno, Takayuki Matsui e Federico Zucchetti, per citarne alcuni, insieme a numerosi dilettanti.

div#nav-gallery {
width: 100% !important;
height: 160px;
overflow: hidden;
}

Sui percorsi del Golf Nazionale, a Sutri (VT), e del Terre dei Consoli GC, a Monterosi (VT), si disputa la finale della Qualifying School dell’Alps Tour in cui si assegneranno le ‘carte’ per la stagione 2021. Vi partecipano 144 giocatori, dei quali 43 italiani, in rappresentanza di 18 nazioni, tra le quali Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia.
Il torneo si disputa sulla distanza di 54 buche con i concorrenti che nei primi due giri si alterneranno sui due tracciati, poi i primi 65 e i pari merito al 65° posto si contenderanno nel turno conclusivo al Golf Nazionale le  “carte” piene per l’Alps Tour 2021, riservate ai primi 35 in graduatoria, mentre gli altri che supereranno il taglio avranno ‘carte’ con meno possibilità di gioco.
Tra gli italiani vi saranno vincitori sul circuito quali Michele Cea (Ein Bay Open, 2018), Cristiano Terragni (Feudo d’Asti Open, 2011)), nella foto) e Giacomo Fortini (Cervino Open, 2018, da amateur) e ancora Guglielmo Bravetti, Carlo Casalegno, Takayuki Matsui e Federico Zucchetti, per citarne alcuni, insieme a numerosi dilettanti.