Bubba Watson è tornato al successo dopo due anni, imponendosi nel Genesis Open con 272 (68 70 65 69, -12) colpi, lo stesso torneo in cui aveva ottenuto il suo ultimo titolo nel 2016. Sul percorso del Riviera CC (par 71), a Pacific Palisades in California, dove sono usciti al taglio Francesco Molinari, 91° con 146 (77 69, +2), e Tiger Woods, 111° con 148 (72 76, +6), alla terza gara dopo il suo rientro seguito allo stop per due interventi alla schiena, Watson ha lasciato a due colpi Kevin Na e Tony Finau (274, -10).

Al quarto posto con 275 (-9) Scott Stalling e Patrick Cantlay e al sesto con 276 (-8) Phil Mickelson, il canadese Adam Hadwin e l’australiano Cameron Smith. Al nono con 277 (-7) Jordan Spieth e Justin Thomas, mai in corsa per il titolo così come Dustin Johnson, numero uno mondiale e campione uscente, 16° con 280 (-4). Deludenti l’australiano Adam Scott e il tedesco Martin Kaymer, 53.i con 286 (+2).

Bubba Watson (nella foto), 39enne di Bagdad (Florida), dieci titoli nel tour comprensivi di due Masters e reduce da un 2017 da dimenticare (solo sei “top 25”), ha vinto per la terza volta questa gara (sua anche nel 2014) con un giro finale in 69 (-2) colpi con cinque birdie e tre bogey e ha ricevuto un assegno di 1.296.000 dollari su un montepremi è di 7.200.000 dollari.

 

I RISULTATI