Jim Herman ha mantenuto la leadership con 192 (65 65 62, -24) colpi nel Barbasol Championship, torneo del PGA Tour che si sta svolgendo in concomitanza con l’Open Championship e che permette ai membri del circuito, esclusi dal major, di poter comunque fare attività. Di diverso dalle altre gare solo il montepremi di 3.500.000 dollari, notevolmente inferiore, circa la metà, rispetto alla media, ma certamente da non disprezzare.
Malgrado l’ottimo 62 (-10, due eagle, sei birdie) Herman (nella foto), 42enne di Cincinnati (Ohio) con un successo nel circuito (2016), ha perso un colpo nei riguardi di Kelly Kraft, secondo con 193 (-23), autore di un 61 (-11, un eagle, nove birdie). Seguono al terzo posto con 196 (-20) Austin Cook e Bill Haas e al quinto con 199 (-17), e probabilmente tagliati fuori dalla corsa al titolo, Josh Teater, l’austriaco Sepp Staka e il venezuelano Sebastian Munoz.
I RISULTATI
 

div#nav-gallery {
width: 100% !important;
height: 160px;
overflow: hidden;
}

Jim Herman ha mantenuto la leadership con 192 (65 65 62, -24) colpi nel Barbasol Championship, torneo del PGA Tour che si sta svolgendo in concomitanza con l’Open Championship e che permette ai membri del circuito, esclusi dal major, di poter comunque fare attività. Di diverso dalle altre gare solo il montepremi di 3.500.000 dollari, notevolmente inferiore, circa la metà, rispetto alla media, ma certamente da non disprezzare.
Malgrado l’ottimo 62 (-10, due eagle, sei birdie) Herman (nella foto), 42enne di Cincinnati (Ohio) con un successo nel circuito (2016), ha perso un colpo nei riguardi di Kelly Kraft, secondo con 193 (-23), autore di un 61 (-11, un eagle, nove birdie). Seguono al terzo posto con 196 (-20) Austin Cook e Bill Haas e al quinto con 199 (-17), e probabilmente tagliati fuori dalla corsa al titolo, Josh Teater, l’austriaco Sepp Staka e il venezuelano Sebastian Munoz.
I RISULTATI