Nelly Korda vince l’oro olimpico e si conferma la regina mondiale tra le proette, trionfando nella gara individuale femminile con un totale di 267 (67 62 69 69, -17) colpi.

Al Kasumigaseki Country Club (East Course, par 71) di Saitama, la numero uno del world ranking si mette al collo la medaglia del metallo più prezioso resistendo alla rimonta di Mone Inami e della neozelandese Lydia Ko, costrette a giocarsi l’argento al playoff dopo aver chiuso con 268 (-16) colpi.

Allo spareggio ha la meglio la giapponese, che grazie ad un par si aggiudica il secondo posto. Medaglia di bronzo per Lydia Ko che, dopo il secondo posto di Rio 2016, trova un altro podio storico.

Giulia Molinaro, la migliore tra le italiane, chiude 46/a con un totale di 286 (75 71 70 70, +2) colpi davanti a Lucrezia Colombotto Rosso, 59/a con uno score di 302 (75 74 75 78, +18).

Una gara all’attacco

Nelly Korda è stata la grande protagonista della gara femminile. Dopo aver chiuso in seconda posizione il primo giro dietro alla svedese Sagstrom, la statunitense si è ritrovata in testa al termine del secondo round grazie ad un giro da 62 (-9) colpi, anche se macchiato da un doppio bogey alla buca 18.

La numero uno del ranking mondiale ha eguagliato così il giro più basso alle Olimpiadi (emulando quanto fatto nel 2016 dalla russa Maria Verchenova nell’atto conclusivo). Nel “moving day” e nel giro finale, interrotto per rischio fulmini nel momento clou mentre le concorrenti in lizza per una medaglia erano alla buca 16, l’americana ha mantenuto le distanze dalle avversarie controllando il suo vantaggio e resistendo alla rimonta in extremis di Mone Inami e di Lydia Ko.

Un 2021 da incorniciare per Nelly Korda, unica giocatrice a vincere tre tornei sull’LPGA Tour tra cui il KPMG Women’s PGA Championship. Al termine della gara, la campionessa olimpica ha dichiarato: «Ho lottato tantissimo per non perdere la vetta della classifica, ma non è stato facile. Credo che quel doppio bogey al termine del secondo giro mi abbia acceso un fuoco dentro. Ancora non ci credo: è pazzesco». (Fonte Federgolf)

(08 Agosto 2021)

È Nicolai Hojgaard il vincitore del DS Automobiles 78° Open d’Italia. Al Marco Simone Golf &…

Si conclude nel segno di Nicolai Hojgaard la terza giornata dell’Open d’Italia, in corso al Marco…

È sufficiente un tranquillo -3 di giornata all’australiano Min Woo Lee per issarsi sul gradino più…

La prima giornata del 78° Open d’Italia va in archivio nel segno di Henrik Stenson, al comando dopo…