CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DEL MASTERS AUGUSTA (11 APRILE, ORE 15.00) L’abbiamo lasciato alle soglie del miracolo al PGA Championship 2018, e lo ritroviamo al Masters di Augusta per il tentativo di rinnovare la propria leggenda: Tiger Woods va a caccia del suo quindicesimo Major in carriera là dove per la prima volta, ventidue anni fa, trionfò in uno dei quattro tornei maggiori e, ancor più, debuttò nel gotha del golf mondiale nel 1995. Alle 17:04 italiane di domani partirà il Major numero 82 della carriera dell’unico uomo capace di vincerli tutti e quattro in fila, sebbene non nello stesso anno. Il successo gli manca dal 2008, ma negli ultimi mesi la forma che era parsa da tempo smarrita sembra essersi ritrovata come d’incanto. Il sesto posto all’Open Championship e il secondo al PGA Championship sono stati solo il preludio al ritorno a un successo atteso cinque anni, al Tour Championship che ha dato la FedEx Cup a Justin Rose. La ripartenza di Tiger, in questo 2019, è stata buona, anche se senza acuti: mai più indietro del trentesimo posto, è arrivato quinto al WGC-Dell Technologies Match Play (con errore non da lui all’ultima buca nel quarto di finale con il danese Lucas Bjerregaard) e decimo, cinque settimane prima, al WGC-Mexico Championship. I problemi alla schiena che ne hanno condizionato 2016 e 2017 sembrano un ricordo abbastanza lontano, dopo la spettacolare rimonta che, nel tempo, gli ha consentito di tornare a ridosso delle prime dieci posizioni nel ranking mondiale. Certo, ad oggi i favoriti sono altri, ma l’incertezza che regna su quest’edizione del Masters potrebbe dare nuova linfa al secondo più prolifico vincitore del torneo, con quattro successi, al fianco di Arnold Palmer e dietro soltanto all’immenso Jack Nicklaus, capace di vincerne sei, l’ultimo dei quali a 23 anni di distanza dal primo. Nicklaus è anche l’uomo che ha vinto più Major di tutti, 18, davanti proprio a Tiger. Magari quest’ultimo non lo dirà a voce piena, ma la rincorsa ai record del più grande di tutti potrebbe benissimo essere una delle chiavi che ancora spinge un uomo passato per due volte dai successi ad altrettanti, e diversi, generi di inferno, per poi tornare. Parliamo, dopotutto, di Tiger Woods, non di uno normale. Vista anche la presenza di Phil Mickelson e data la forma anche di quest’ultimo, si potrebbe perfino giungere a uno scontro generazionale: i due antichi rivali contro gli uomini che oggi cercano in ogni modo di riaffermare il loro predominio in questo sport. Queste le sue dichiarazioni alla vigilia del torneo: “Sento di poter vincere. Ho già dato prova di poterlo fare“. E a proposito della corretta gestione del proprio corpo: “Questa è la mia missione, lo devo capire e cercare equilibrio. Non devo vincere il Masters per dimostrare qualcosa a qualcuno. Voglio la Green Jacket perché è l’obiettivo di tutti i giocatori“. CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL GOLF federico.rossini@oasport.it Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina FacebookClicca qui per iscriverti al nostro gruppoClicca qui per seguirci su Twitter Foto: Hafiz Johari / Shutterstock