Seconda giornata decisamente complicata presso l’Al Mouj Golf di Muscat, dove è in corso l’Oman Open 2019, torneo dello European Tour di golf. Il vento forte ha portato una grandissima quantità di sabbia sul percorso e ha costretto gli organizzatori a sospendere il giro intorno alle 11.40 (ora locale). Soltanto undici giocatori hanno completato il secondo round, oltretutto in condizioni molto complesse che ne hanno penalizzato gli score. Tra questi c’è purtroppo anche l’azzurro Filippo Bergamaschi, +2 di giornata e scivolato 83° in classifica. La maggior parte degli atleti non ha neppure preso il via e il ritardo andrà sicuramente a stravolgere il programma dei prossimi giorni. La classifica, quantomai provvisoria, vede al comando il norvegese Joachim Hansen e lo statunitense Kurt Kitayama con lo score complessivo di -6 per il torneo. Il primo deve disputare le ultime due buche del secondo giro, ma è riuscito a domare le condizioni avverse e si trova a -4 di giornata. Il secondo invece è stato fermato dopo la buca 13 quanto si trovava pari con il par. Terza posizione con un colpo di ritardo per il tedesco Maximilian Kieffer, per lo scozzese Scott Jamieson e per il giapponese Yusaku Miyazato. Molto numeroso il gruppo al sesto posto: ne fanno parte il paraguaiano Fabrizio Zanotti, il cileno Hugo Leon, l’indiano Gaganjett Bhullar, il belga Thomas Pieters, l’inglese David Horsey, lo spagnolo Alejandro Canizares, il golfista dello Zimbabwe Scott Vincent e il terzetto francese composto da Raphael Jacquelin, Adrien Saddier e Alexander Levy. Relativamente agli italiani impegnati, Andrea Pavan (31° a -1) è il migliore in classifica ma non ha iniziato il secondo giro. Stesso discorso per Edoardo Molinari e Lorenzo Gagli (44° posto pari con il par). Sono scesi invece in campo Nino Bertasio e Matteo Manassero, entrambi sul +1 di giornata senza aver però completato le diciotto buche, che si trovano in compagnia di Renato Paratore e Guido Migliozzi (65° posto a +1). Il taglio sarà quindi nella giornata di domani, sperando che il vento conceda un po’ di tregua e permetta di recuperare il tempo perso.   roberto.pozzi@oasport.it Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina FacebookClicca qui per iscriverti al nostro gruppoClicca qui per seguirci su Twitter Foto: mooinblack / Shutterstock.com