Un epilogo avvincente e ricco di colpi di scena quello vissuto sul Saujana Golf&Country Club di Kuala Lumpur (Malesia) per il Maybank Championship 2019. Lo spagnolo Nacho Elvira e l’australiano Scott Hend hanno dato vita ad uno spettacolare testa a testa concluso in favore del secondo soltanto alla prima buca del playoff. Il 45enne nato a Townsville ha conquistato il terzo successo in carriera sullo European Tour, il secondo allo spareggio dopo la vittoria dell’Hong Kong Open nel 2014. L’iberico ha cominciato l’ultimo giro al comando, ma l’avversario gli ha soffiato la testa della classifica con cinque birdie nelle prime nove buche. Sul green della 18 il momento più appassionante della sfida: un diluvio torrenziale ha costretto la direzione di gara a sospendere il gioco. Dopo una pausa di quasi due ore, gli unici due golfisti rimasti in campo hanno potuto riprendere le ostilità. Elvira, che doveva recuperare un colpo al rivale, ha imbucato un incredibile putt dalla lunga distanza per il birdie, mentre Hend non è riuscito a chiudere e si è dovuto accontentare del par che ha rimandato il verdetto al playoff. Sempre sul grenn della 18, lo spagnolo non ha saputo ripetersi mentre l’australiano ha messo a segno il birdie che è valso la vittoria finale. La terza posizione è andata al thailandese Jazz Janewattananond con lo score di -13, mentre al quarto posto ha chiuso lo statunitense Johannes Veerman un colpo più indietro. La coppia formata dall’inglese Oliver Fisher e dal tedesco Maximilian Kieffer ha raggiunto la quinta posizione con lo score complessivo di -11. Settimo posto per un gruppo di sei giocatori, tutti a -10 per il torneo, composto dall’inglese Jordan Smith (autore del miglior giro di giornata con un eccellente 65), dal paraguaiano Fabrizio Zanotti, dal francese Benjamin Hebert, dall’altro inglese Andy Sullivan e dai sudafricani Ernie Els e Darren Fichardt. Ultima giornata in chiaroscuro per gli italiani impegnati. Guido Migliozzi ha chiuso con un giro in 73 colpi (due birdie e tre bogey) perdendo diverse posizioni e ritrovandosi al 41° posto con lo score complessivo di -3 per il torneo. Stessa posizione finale anche per Renato Paratore, risalito grazie ad un ottimo -4 di giornata (cinque birdie e un solo bogey). Sicuramente negativo invece il quarto giro di Andrea Pavan, che ha gettato alle ortiche una buona occasione per raccogliere un prestigioso piazzamento con una partenza da incubo (un doppio bogey e quattro bogey nelle prime nove buche), chiudendo poi al 60° posto con lo score complessivo di +1. Edoardo Molinari e Nino Bertasio invece non avevano superato il taglio dopo la seconda giornata.     roberto.pozzi@oasport.it Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina FacebookClicca qui per iscriverti al nostro gruppoClicca qui per seguirci su Twitter Foto: Christopher Y.C. Wong / Shutterstock.com