Si è conclusa con una gradita sorpresa la prima giornata del Dubai Duty Free Irish Open 2019, appuntamento dello European Tour che rientra nel prestigioso circuito delle Rolex Series e che si svolge presso il Golf Club di Lahinch, cittadina della Contea di Clare collocata sulla costa occidentale dell’isola irlandese. La classifica provvisoria vede al comando uno dei beniamini del pubblico di casa, ovvero l’irlandese Padraig Harrington (-7), vincitore del torneo nel 2007 appena di cominciare il proprio periodo magico con le due affermazioni consecutive all’Open Championship nel 2007 e nel 2008 e il successo al PGA Championship 2008. Il 47enne di Dublino ha firmato un primo giro in 63 colpi mettendo a segno otto birdie ed un solo bogey entusiasmando la tifoseria locale e prendendosi la testa della classifica. La seconda posizione è occupata invece dal sudafricano Zander Lombard (-6), capace di chiudere nella miglior maniera possibile con quattro birdie nelle ultime cinque buche del percorso. Decisamente numeroso il gruppo in terza posizione di cui fanno parte il danese Thorbjorn Olesen, il francese Mike Lorenzo-Vera, il sudcoreano Hyowon Park, l’australiano Wade Ormsby e un terzetto inglese composto da Eddie Pepperell, Chris Paisley e Lee Slattery (-5). Soltanto un colpo più indietro, in una classifica ancora decisamente molto compatta, un altro gruppo piuttosto consistente in decima posizione formato dallo scozzese Robert MacIntyre, dal nordirlandese Cormac Sharvin, dal messicano Abraham Ancer, dal malese Gavin Green, dal tedesco Martin Kaymer, dall’irlandese Shane Lowry e da un secondo terzetto inglese di cui fanno parte Ian Poulter, Lee Westwood e Oliver Wilson (-4). Nel complesso sicuramente positiva la prima giornata dei sei italiani presenti per l’occasione. Guido Migliozzi, tornato ad esprimersi su ottimi livelli dopo due tagli mancati consecutivamente, Edoardo Molinari, risalito nel finale con due birdie alla 17 e alla 18, e Lorenzo Gagli (-2), risollevatosi alla grande dopo due bogey nelle prime due buche, si trovano tutti al 32° posto in classifica e partiranno da un’ottima posizione per mettere al sicuro la propria presenza nel fine settimana. Più indietro invece Andrea Pavan, Nino Bertasio e Renato Paratore (par), al momento al 68° posto ma comunque perfettamente in grado di recuperare terreno nel corso del secondo giro. roberto.pozzi@oasport.it Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina FacebookClicca qui per iscriverti al nostro gruppoClicca qui per seguirci su Twitter Foto: Valerio Origo