Al Golf Club St. Leon Rot, nella città che dà il nome al prestigioso circolo in Germania, si conclude il German Boys & Girls Open 2018.
Nel torneo femminile (tracciato par 74) le azzurrine si sono imposte nella Nation Cup, assegnata dopo due turni. Ha prevalso con 277 (-15) Italia 1 (Alessia Nobilio, Caterina Don, Emilie Alba Paltrinieri) davanti alla Svezia (278, -14). Sul podio anche Italia 2 (Anna Zanusso, Virginia Bossi, Benedetta Moresco), terza con 283 (-9).
Nel giro conclusivo competeranno per il titolo Don (70 69), Paltrinieri (70 69) e Nobilio (69 70), terze con 139 (-7) a tre colpi dalla leader, la svedese Ingrid Lindblad (136 – 68 68, -10). Seguono la svizzera Elena Moosmann (137, -9), mentre le tre italiane hanno la compagnia della tedesca Danielle Modder. In ottima posizione anche Virginia Bossi e Anna Zanusso, none con 142 (-4), e poco dietro Maria Vittoria Corbi e Benedetta Moresco, 20.e con 144 (-2). Sono uscite al taglio Matilde Maria Troiani, 100ª con 163 (+17) e Tasa Torbica, 102ª con 170 (+24). Le azzurre hanno il supporto dell’allenatore Enrico Trentin.
Nel campionato maschile (tracciato par 72) è rimasto al vertice il tedesco Fredrik Strandberg (134, 64 70, -10) davanti ai danesi Rasmus Hojgaard e Nicolai Hojgaard e all’olandese Kiet van der Weele (137, -7), Al quinto posto con 138 (-6) Pietro Bovari (70 68) e Filippo Celli (68 70) e all’ottavo con 139 (-5) Pier Francesco De Col (69 70). Sono rimasti in gara: Lucas Nicolas Fallotico, 18° con 142 (-2), Andrea Romano e Massimiliano Campigli, 29.i con 144 (par), e Gregorio De Leo, 44° con 146 (+2). Sono usciti Riccardo Leo, 51° con 147 (+3), Kevin Latchayya, 54° con 148 (+4), Gianmarco Manfredi, 69° con 150 (+6), e Thomas Pfoestl, 92° con 156 (+12).
Nella Nation Cup successo con 274 (-14) di Danimarca 1 con due colpi di vantaggio su Italia 1 (Romano, Bovari, De Leo; 276, -12). Sesta con 283 (-5) Italia 1 (Campigli, Celli, Manfredi). Il team è assistito dagli allenatori Giorgio Grillo e Alessandro Bandini.
 
I RISULTATI

div#nav-gallery {
width: 100% !important;
height: 160px;
overflow: hidden;
}

Al Golf Club St. Leon Rot, nella città che dà il nome al prestigioso circolo in Germania, si conclude il German Boys & Girls Open 2018.
Nel torneo femminile (tracciato par 74) le azzurrine si sono imposte nella Nation Cup, assegnata dopo due turni. Ha prevalso con 277 (-15) Italia 1 (Alessia Nobilio, Caterina Don, Emilie Alba Paltrinieri) davanti alla Svezia (278, -14). Sul podio anche Italia 2 (Anna Zanusso, Virginia Bossi, Benedetta Moresco), terza con 283 (-9).
Nel giro conclusivo competeranno per il titolo Don (70 69), Paltrinieri (70 69) e Nobilio (69 70), terze con 139 (-7) a tre colpi dalla leader, la svedese Ingrid Lindblad (136 – 68 68, -10). Seguono la svizzera Elena Moosmann (137, -9), mentre le tre italiane hanno la compagnia della tedesca Danielle Modder. In ottima posizione anche Virginia Bossi e Anna Zanusso, none con 142 (-4), e poco dietro Maria Vittoria Corbi e Benedetta Moresco, 20.e con 144 (-2). Sono uscite al taglio Matilde Maria Troiani, 100ª con 163 (+17) e Tasa Torbica, 102ª con 170 (+24). Le azzurre hanno il supporto dell’allenatore Enrico Trentin.
Nel campionato maschile (tracciato par 72) è rimasto al vertice il tedesco Fredrik Strandberg (134, 64 70, -10) davanti ai danesi Rasmus Hojgaard e Nicolai Hojgaard e all’olandese Kiet van der Weele (137, -7), Al quinto posto con 138 (-6) Pietro Bovari (70 68) e Filippo Celli (68 70) e all’ottavo con 139 (-5) Pier Francesco De Col (69 70). Sono rimasti in gara: Lucas Nicolas Fallotico, 18° con 142 (-2), Andrea Romano e Massimiliano Campigli, 29.i con 144 (par), e Gregorio De Leo, 44° con 146 (+2). Sono usciti Riccardo Leo, 51° con 147 (+3), Kevin Latchayya, 54° con 148 (+4), Gianmarco Manfredi, 69° con 150 (+6), e Thomas Pfoestl, 92° con 156 (+12).
Nella Nation Cup successo con 274 (-14) di Danimarca 1 con due colpi di vantaggio su Italia 1 (Romano, Bovari, De Leo; 276, -12). Sesta con 283 (-5) Italia 1 (Campigli, Celli, Manfredi). Il team è assistito dagli allenatori Giorgio Grillo e Alessandro Bandini.
 
I RISULTATI