- Pubblicità -
660x135

Grande prova di Stefano Pitoni (nella foto) che si è classificato al secondo posto con 197 colpi (67 66 64, -19) nell’Alps de Las Castillas, torneo dell’Alps Tour disputato sul percorso del Golf Valdeluz (par 72), a Yebes cittadina della comunità autonoma di Castiglia-La Mancia in Spagna.   Legarrea allo sprint – Il 25enne reatino è stato superato di un colpo dallo spagnolo Jesus Legarrea (196 – 67 61 68, -20), che ha avuto ragione grazie a un birdie sull’ultima buca quando già Pitoni, arrivato con circa 30 minuti di anticipo rispetto al rivale, stava pensando a un possibile playoff. Al terzo posto con 198 (-18) l’altro protagonista della gara, l’iberico Jacobo Pastor, che ha chiuso con un parziale di 62 (-10), e al quarto  con 199 (-17) un ispirato Aron Zemmer, anch’egli autore di una prestazione di rilievo, affiancato dai francesi Damien Perrier e Jean Pierre Verselin e degli iberici Daniel Osorio e Mario Galiano, uno dei più forti dilettanti del momento.   In alta classifica anche Lorenzo Scotto (69 66 68, -13) e Leonardo Motta (68 65 70), 11.i con 203 (-13), e Federico Maccario, 14° con 204 (68 68 68, -12). A metà Joon Kim, 20° con 205 (71 66 68, -11), Andrea Maestroni (68 67 71) e Corrado De Stefani (70 68 68), 26.i con 206 (-10), e in bassa Enrico Di Nitto, 37° con 208 (69 67 72, -8), e Andrea Romano, 41° con 210 (71 67 72, -6).   Pitoni ha girato in 64 (-8) colpi, realizzando un eagle e sei birdie. E’ entrato in club house da leader con il “meno 19”, che in quel momento aveva anche Legarrea, ma con tre buche da giocare. Pur avendo accusato qualche difficoltà – sei birdie e tre bogey fino a quel punto – l’iberico è riuscito a trovare il guizzo giusto proprio in extremis con il settimo birdie di giornata per il 68 (-4) vincente. Quanto a Pastor si è espresso in 62 (-10) colpi coni ben tre eagle, rarissimi a vedersi nello stesso giro, e con quattro birdie.   Non hanno superato il taglio Gregory Molteni, Federico Colombo e Nicolò Gaggero, 49.i con 139 (-5), Andrea Perrino, 61° con 140 (-4), Giorgio De Filippi, 69° con 141 (-3), Alessio Bruschi, 76° con 142 (-2), e Valerio Pelliccia, 99° con 145 (+1). Legarrea ha ricevuto un assegno di 6.960 euro su un montepremi di 48.000 euro.     SECONDO GIRO – Lo spagnolo Jesus Legarrea, grazie a un gran giro in 61 (-11, con un eagle e nove birdie) ha preso il comando con 128 colpi (67 61, -16) nell Alps de Las Castillas, torneo dell’Alps Tour che si sta svolgendo sul tracciato del Golf Valdeluz (par 72), a Yebes cittadina della comunità autonoma di Castiglia-La Mancia in Spagna. Lo seguono con 130 (-14) i francesi Franck Daux, Baptiste Chapellan e Jean Pierre Verselin, leader dopo un turno, e con 132 (-12) gli iberici Borja Etchart e Mario Galiano, quest’ultimo dilettante.   Occupano il settimo posto con 133 (-11) e hanno qualche possibilità di puntare al titolo nel terzo e conclusivo giro Aron Zemmer (68 65), Leonardo Motta (68 65) e Stefano Pitoni (67 66), mentre è più difficile che possa rientrare in gioco lo spagnolo Santiago Luna, il più accreditato tra i favoriti alla vigilia, decimo con 134 (-10).   Sono in alta classifica Andrea Maestroni (68 67) e Lorenzo Scotto (69 66), 14.i con 135 (-9) e sono rimasti in gara Enrico Di Nitto (69 67) e Federico Maccario (68 68), 23.i con 136 (-8), Joon Kim, 35° con 137 (71 66), Corrado De Stefani (70 68) e Andrea Romano (71 67), 39.i con 138 (-6).   Non hanno superato il taglio Gregory Molteni, Federico Colombo e Nicolò Gaggero, 49.i con 139 (-5), Andrea Perrino, 61° con 140 (-4), Giorgio De Filippi, 69° con 141 (-3), Alessio Bruschi, 76° con 142 (-2), e Valerio Pelliccia, 99° con 145 (+1). Il montepremi è di 48.000 euro.     PRIMO GIRO – Stefano Pitoni  ha girato in 67 (-5) colpi e si è collocato al sesto posto, in folta compagnia, al termine del primo giro dell’Alps de Las Castillas, torneo dell’Alps Tour che si sta svolgendo sul tracciato del Golf Valdeluz (par 72), a Yebes cittadina della comunità autonoma di Castiglia-La Mancia in Spagna.   Hanno decisamente attaccato i giocatori spagnoli, che sono in preponderanza, ma in vetta alla classifica si è portato con 64 (-8) il francese Jean Pierre Verselin con due colpi di vantaggio su quattro iberici: Marcos Pastor, Borja Etchart, Pablo Herreria e il forte dilettante Mario Galiano. Affiancano Pitoni i transalpini Franck Daux e Baptiste Chapellan insieme ad altri quattro spagnoli, Javier Ballesteros, Carlos Aguilar, Jesus Legarrea e Daniel Osorio.   Sono in alta classifica anche Aron Zemmer, Leonardo Motta, Andrea Maestroni e Federico Maccario, 13.i con 68 (-4) insieme all’atteso iberico Santiago Luna, e hanno tenuto un buon passo Andrea Perrino, Enrico Di Nitto e Lorenzo Scotto, 31.i con 69 (-3). Sono oltre la linea del taglio Corrado De Stefani e Federico Colombo, 48.i con 70 (-2), Andrea Romano, Joon Kim, Valerio Pelliccia e Nicolò Gaggero, 58.i con 71 (-1), Giorgio De Filippi e Gregory Molteni, 76.i con 72 (par), e Alessio Bruschi, 91° con 73 (+1). Il montepremi è di 48.000 euro.     PROLOGO – Dopo i tre tornei iniziali in Egitto, l’Alps Tour comincia la sua fase continentale con l’Alps de Las Castillas (2-4 aprile) in programma al Golf Valdeluz, a Yebes cittadina della comunità autonoma di Castiglia-La Mancia in Spagna.   Diciassette i giocatori italiani partecipanti: Alessio Bruschi, Federico Colombo, Giorgio De Filippi, Corrado De Stefani, Enrico Di Nitto, Nicolò Gaggero, Joon Kim, Federico Maccario, Andrea Maestroni, Gregory Molteni, Leonardo Motta, Valerio Pelliccia, Andrea Perrino, Stefano Pitoni, Andrea Romano, Lorenzo Scotto e Aron Zemmer.    Numerosi i giocatori in grado di recitare ruoli da protagonisti tra i quali ricordiamo, insieme a Bruschi, Maestroni, Kim, Molteni e Perrino, gli spagnoli Santiago Luna, Juan Antonio Bragulat, Javier Colomo, Antonio Hortal, Jesus Legarrea e Borja Etchart, il belga Kevin Hesbois, l’irlandese Brendan McCarroll, gli inglesi Andrew Cooley, Tom Sherreard e Tom Shadbolt e i francesi Leo Lespinasse e Matthieu Pavon. Il montepremi è di 48.000 euro.   I risultati

- Pubblicità -
660x135